SITE POLICY


Consulenza legale online Ai sensi delle vigenti norme deontologiche, i servizi di consulenza legale on line prestati dallo Studio Legale Plateroti sono servizi professionali e, pertanto, NON possono essere prestati a titolo gratuito.
La determinazione dei corrispettivi a titolo di onorari professionali per la prestazione dei Servizi legali offerti dallo Studio Legale Plateroti si conforma alle vigenti tariffe professionali di cui al
Nuovo Tariffario Forense approvato con D.M. 8 Aprile 2004, n. 127 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, Supplemento Ordinario, n. 115 del 18 Maggio 2004.
Il testo integrale del tariffario è consultabile selezionando sulla voce Nuovo Tariffario Forense.
Consulenza legale a cura dell’Avv. Domenico Plateroti iscritto all’Ordine degli Avvocati di Roma.

Dati anagrafici

Avv. Domenico Plateroti
Via Tacito n°50 - 00193 Roma - Tel. +39 066873105 - 0668809600 - 0668130648  Fax: +39 0668214863
E-mail:
avv.dplateroti@gmail.com - postmaster@studiolegaleplateroti.it
Studio Legale Plateroti Partita IVA 10813660585 Polizza assicurativa responsabilità civile rischi professionali Compagnia: Assicurazioni Generali S.p.A. Polizza n.: 262660681 Massimale assicurativo: Euro 258.250,00

Utilizzo dei servizi e delle informazioni


Le informazioni disponibili sul Portale raggiungibile alla URL www.studiolegaleplateroti.it sono fruibili a titolo gratuito. Le informazioni contenute nel Portale hanno carattere puramente informativo e, salvo ove diversamente previsto, non costituiscono una proposta contrattuale né una offerta al pubblico ai sensi dell’art. 1336 del Codice Civile dei prodotti e/o servizi descritti, né possono considerarsi impegnative per qualsivoglia trattativa o relazione commerciale. All’utente è vietata qualsiasi forma di sfruttamento del Portale e/o dei Servizi (inclusa ogni forma di riproduzione, modifica, duplicazione, copia, distribuzione o vendita a ciò destinata), salva diversa indicazione e/o autorizzazione scritta dello Studio Legale Plateroti.
Garanzie e responsabilità
Nei limiti di quanto consentito dalla vigente normativa applicabile, gli utenti riconoscono che l’utilizzo del Portale avviene a proprio esclusivo rischio. Il Portale viene fornito così “come è” e “come disponibile”. Lo Studio Legale Plateroti non offre alcuna garanzia specifica circa i risultati che sono attesi, sperati od ottenuti con l’uso del Portale. Nei limiti previsti dall’articolo 1229 del Codice Civile, gli utenti dichiarano e garantiscono di tenere indenne e manlevare lo Studio Legale Plateroti, i suoi rappresentanti, dipendenti, collaboratori, da qualsiasi obbligo risarcitorio che possa originarsi a loro carico in relazione all’utilizzo del Portale. Lo Studio Legale Plateroti declina ogni responsabilità per le eventuali pretese degli utenti relative all’impossibilità di utilizzare il Portale per qualsiasi ragione. Lo Studio Legale Plateroti si riserva in ogni tempo il diritto di disconnettere, temporaneamente o permanentemente il Portale (o una qualunque sua parte). L’utente riconosce che lo Studio Legale Plateroti non potrà in alcun modo essere ritenuto responsabile verso l’utenza o verso terzi per la sospensione o l’interruzione.
Sito web:
www.studiolegaleplateroti.it Il sito web dello Studio Legale Plateroti rispetta i principi espressi dal Codice Deontologico ed in particolare l’art 17 e art 17 bis qui sotto riportato:
ART. 17. ARTICOLO 17 Informazioni sull’attività professionale L’avvocato può dare informazioni sulla propria attività professionale. Il contenuto e la forma dell’informazione devono essere coerenti con la finalità della tutela dell’affidamento della collettività.
Quanto al contenuto, l’informazione deve essere conforme a verità e correttezza e non
può avere ad oggetto notizie riservate o coperte dal segreto professionale. L’avvocato non può rivelare al pubblico il nome dei propri clienti, ancorché questi vi consentano.
Quanto alla forma e alle modalità, l’informazione deve rispettare la dignità e il decoro della professione.
In ogni caso, l’informazione non deve assumere i connotati della pubblicità ingannevole, elogiativa, comparativa.
I. Sono consentite, a fini non lucrativi, l’organizzazione e la sponsorizzazione di seminari di studio, di corsi di formazione professionale e di convegni in discipline attinenti alla professione forense da parte di avvocati o di società o di associazioni di avvocati, previa approvazione del Consiglio dell’ordine del luogo di svolgimento dell’evento.
II. È vietato offrire, sia direttamente che per interposta persona, le proprie prestazioni professionali al domicilio degli utenti, nei luoghi di lavoro, di riposo, di svago e, in generale, in luoghi pubblici o aperti al pubblico.
III. È altresì vietato all’avvocato offrire, senza esserne richiesto, una prestazione personalizzata e, cioè, rivolta a una persona determinata per un specifico affare.
IV. È consentita l’indicazione del nome di un avvocato defunto, che abbia fatto parte dello studio, purché il professionista a suo tempo lo abbia espressamente previsto o abbia disposto per testamento in tal senso, ovvero vi sia il consenso unanime dei suoi eredi.
ARTICOLO 17 bis - Mezzi di informazione consentiti L’avvocato può dare informazioni sulla propria attività professionale utilizzando esclusivamente i seguenti mezzi:
1) la carta da lettera, i biglietti da visita e le brochures informative, previa, per queste ultime, approvazione del Consiglio dell’ordine dove lo studio ha la sede principale.
In essi devono essere indicati:

  • la denominazione dello studio, con la indicazione dei nominativi dei professionisti che lo compongono qualora l’esercizio della professione sia svolto in forma associata o societaria;

  • il Consiglio dell’ordine presso il quale è iscritto ciascuno dei componenti lo studio;

  • la sede principale di esercizio, le eventuali sedi secondarie ed i recapiti, con l’indicazione di indirizzo, numeri telefonici, fax, e-mail e del sito web, se attivato.

Possono essere indicati soltanto:
  • i titoli accademici;

  • i diplomi di specializzazione conseguiti presso gli istituti universitari;

  • l’abilitazione a esercitare avanti alle giurisdizioni superiori;

  • il titolo professionale che consenta all’avvocato straniero l’esercizio in Italia, o che consenta all’avvocato italiano l’esercizio all’estero, della professione di avvocato in conformità delle direttive comunitarie;

  • i settori di esercizio dell’attività professionale (civile, penale, amministrativo, tributario) e, nell’ambito di questi, eventuali materie di attività prevalente, con il limite di non più di tre materie;

  • le lingue conosciute;

  • il logo dello studio

  • gli estremi della polizza assicurativa per la responsabilità professionale;

  • l’eventuale certificazione di qualità dello studio (l’avvocato che intenda fare menzione di una certificazione di qualità deve depositare presso il Consiglio dell’ordine il giustificativo della certificazione in corso di validità e l’indicazione completa del certificatore e del campo di applicazione della certificazione ufficialmente riconosciuta dallo Stato).

2) le targhe, di dimensioni ragionevoli, poste all’ingresso dell’immobile ove è ubicato lo studio dell’avvocato e presso la porta di accesso allo studio, con la sola indicazione della presenza dello studio legale, dei professionisti che lo compongono e della sua collocazione all’interno dello stabile;
3) gli annuari professionali, le rubriche telefoniche, le riviste e le pubblicazioni in materie giuridiche.
4) i siti web con domini propri e direttamente riconducibili all’avvocato, allo studio legale associato, alla società di avvocati sui quali gli stessi operano una completa gestione dei contenuti e previa comunicazione al Consiglio dell’ordine di appartenenza. Nel sito deve essere riportata l’indicazione del responsabile nonché i dati previsti dall’art. 17 e dal punto 1) dell’art. 17 bis. Il sito non può contenere riferimenti commerciali e pubblicitari mediante l’indicazione diretta o tramite banner o pop-up di alcun tipo. Possono essere indicati i dati consentiti per i mezzi previsti al precedente paragrafo 1).